547  nuovi  posti di lavoro, 2.200 veicoli alimentati a  biometano ogni anno, una  drastica riduzione dell’anidride  carbonica, la  riqualificazione delle  aree verdi, l’impiego delle  migliori  tecnologie sul  mercato  per il contenimento dei  fumo e  degli odori: sono  questi alcuni degli elementi che  caratterizzano il progetto definitivo che  trasformerà il termovalorizzatore di Sesto San Giovanni ed  il depuratore adiacente in una  biopiattaforma dedicata all’economia  circolare. Un impianto che  sarà  carbon neutral ( a  zero  emissioni di CO2), e  in grado  di impiegare i  fanghi di depurazione e  la frazione umida dei  rifiuti per produrre biometano, energia pulita  ed eco fertilizzanti.

Il progetto  presentato nella  sua  fase definitiva in un incontro pubblico con il Comune  di Sesto San Giovanni da  Gruppo Cap, gestore del  servizio idrico integrato della città  metropolitana di Milano e Core , consorzio recupero energetici, ha  integrato le  istanze della cittadinanza  emerse  dal percorso partecipativo Biopiattaforma Lab che   ha  preso vita  già a  novembre 2018. Solo  dopo la presentazione ai cittadini ed alle amministrazioni, ed alle  fasi tecniche  che  prevedono le  dovute  verifiche  e  perizie, si passerà ad agosto del 20202 alla  gara  per  la progettazione definitiva.

Comunicato stampa progetto definitivo Biopiattaforma